fbpx

La riabilitazione respiratoria (RR) consiste in un programma medico e fisioterapico utilizzato per migliorare le capacità dei polmoni in soggetti con disfunzioni respiratorie.

Si avvale di varie figure professionali, coordinate solitamente dallo pneumologo. L’equipe multidisciplinare di specialisti elabora un programma terapeutico personalizzato, che ha l’obbiettivo di arrestare l’ulteriore deterioramento clinico e il recupero di uno stile di vita autonomo e produttivo.

 

Il programma di riabilitazione respiratoria è particolarmente indicato per:

  • malattie ostruttive (es. asma, BPCO)
  • malattie restrittive (fibrosi polmonari, sarcoidosi, ecc)
  • malattie infettive (es. polmonite, tubercolosi)
  • malattie neoplastiche

Inoltre, aiuta a migliorare la dinamica respiratoria dei pazienti COVID-19 guariti, ma che presentano difficoltà respiratorie.

 

I sintomi delle malattie respiratorie sono principalmente:

  • Dispnea (difficoltà o fatica a respirare)
  • Tosse
  • Stanchezza e facile affaticamento fisico
  • Alterazioni della coordinazione respiratoria
  • Talvolta dolori al torace

Questi sintomi innescano un circolo vizioso: dispnea e la sensazione di stanchezza durante le attività giornaliere inducono ad uno stile di vita sedentario, che comporta una diminuzione dell’attività motoria. Questa mancanza di allenamento, peggiora ulteriormente la dispnea e la fatica respiratoria.

La RR, cerca di “rompere” questo circolo vizioso ed ha come obiettivo quello di:

  • Ridurre e controllare i sintomi respiratori.
  • Incrementare la capacità di lavoro ed esercizio.
  • Migliorare la qualità di vita.
  • Ridurre l’impatto psicologico dovuto alla riduzione funzionale ed alla disabilità.
  • Ridurre il numero e la gravità delle riacutizzazioni.

A volte, l’avvio alla pratica di esercizio fisico e la ripresa di uno stile di vita attivo vengono limitate dalla presenza di un livello di dispnea ancora troppo consistente. L’avvio precoce di programmi di attività fisica spesso non tiene conto del meccanismo della dispnea con il rischio di limitare l’esercizio o indurne l’abbandono prima di aver ottenuto risultati soddisfacenti. Dopo il percorso di RR (o in supporto di questo) è possibile agire per diminuire ulteriormente e in modo consistente la dispnea attraverso un percorso di Rieducazione Respiratoria. La Rieducazione Respiratoria consiste in un programma di sviluppo e miglioramento della coordinazione respiratoria e motoria generale con il risultato di economizzarne il dispendio energetico. Il risultato è che, a parità di condizione fisiopatologica, il soggetto è in grado di compiere maggiore attività senza innescare il circolo vizioso della dispnea.

In sintesi, la RR è un intervento basato sulle evidenze, multidisciplinare e completo, per pazienti con malattie croniche respiratorie che sono sintomatici e che spesso hanno ridotto le attività della vita quotidiana. Integrata nel trattamento personalizzato del paziente, la RR è volta a ridurre i sintomi, ottimizzare lo stato funzionale, aumentare la partecipazione, attraverso la stabilizzazione e l’inversione delle manifestazioni sistemiche della malattia.

 

Il percorso riabilitativo, in parte sovvenzionato dal SSN, si compone principalmente di 4 fasi:

  1. Visita specialistica pneumologica, valutazione fisiopatologica ed eventuale trattamento farmacologico
  2. Colloqui con spiegazione dettagliata del percorso riabilitativo programmato dagli specialisti
  3. Riabilitazione fisica ed eventuali altri interventi multidisciplinari complementari
  4. Valutazione risultati

Dott. Schiraldi Claudio